Sold Out

 

è magnifico avere una grande 
intelligenza: non ti mancano mai 
le sciocchezze da dire.
(Anton Čechov)

Io mi sono sempre fetidorgogliosamente vantato (nel foro interiore, naturalmente – che so’ scemo?) della mia grande intelligenza, anche se non ho mai capito bene cos’è.

La definizione che più mi ha convinto nel corso degli anni è stata

L’intelligenza è la capacità di manipolare l’ambiente circostante a proprio vantaggio.

anche se, in tutta sincerità, non so come applicarla a me stesso; dipende tanto dal significato che si dà alle parole “capacità”, “manipolare”, “ambiente”, “vantaggio”, “circostante”, “proprio”, “è”.

Un po’ la situazione – avendo io esaurito le sciocchezze da dire – si chiarisce oggi.

Edit:

soldout

Grazziattutti eh.

Pubblicato in AriaFritta, Chi Parla Male, sapevàtelo | Lascia un commento

L’Isolamento, Il Discredito

 

Che mi si prenda per una scimmia
pensava [] col fiato corto
non è possibile, questo è sicuro.
Il seguito…
(DeAndrè, “Il gorilla”)

In un mondo in cui non puoi che parlare bene o benissimo di chiunque perché a quanto pare persino SpeedyGonzalez getta discredito (sui messicani, lui; e che dire di Renato e Albin?) e genera isolamento, e dunque crea quel certo clima in cui;

ha ancora senso scrivere, o anche solo parlare?

Pubblicato in ...ma il più delle volte, Chi Parla Male, Dice Il Saggio, E Che So' Pasquale?, E Chi Se Ne Frega, In Marcia!, Ma Anche, tempi moderni, Vero Uomo | Lascia un commento

Manettaro Voglio II

 

Un infermiere stupra una paziente, chi deve dimettersi? Il primario dell’ospedale? Il direttore dell’Asl? Il ministro della Sanità?

MacelleriaMessicana ‘sto par de cojoni; ecco cos’è successo a Genova nel 2001, felicemente riassunto da un fior di garantista e libertario pure, magari.

Mi viene anche in mente un altro adamantino perseguitato del novecento che probabilmente avrebbe parlato di “Un Mariuolo”.

 

Pubblicato in ...ma il più delle volte, Accomodante, Blogroll, Chi Parla Male, quelli bravi, Questa è la divisa che consente, so' ragazzi, tempi moderni | Lascia un commento

Manettaro Voglio

 

“…e devono tendere alla rieducazione del condannato.”
(da un rotolo contenente prescrizioni e precetti
rinvenuto in una latrina del II secolo;
verosimilmente dunque destinato
– come Omero, che gli giaceva accanto –
a pulircisi il culo)

Un signore in piena maturità, anzi a voler essere pignoli sull’orlo della putrescenza.
Di professione uomo d’affari, uno che sa come va il mondo.
Che sa che gli affari possono andare male, soprattutto a chi (come quasi chiunque) non sa leggere i pensieri altrui e/o non sa prevedere il futuro.

Che quando gli affari vanno male accelera e semplifica la (sgradevole di solito, a volte umiliante; di questo voglio dargi atto) procedura fallimentare a pistolettate. Buona mira tra l’altro.

Ecco: rieducatemi questo.

Che ce vo': cattivo! non si fa!

Pubblicato in "E stiamo bei freschi di tasse e tutto, Natalia", Accomodante, cazzeggio libero, Chi Parla Male, E Chi Se Ne Frega, Le Magnifiche Sorti, Sud | 1 commento

A C A B

 

Volevo scrivere qualcosa di sottile equanime e definitivo sulla sentenza di Strasburgo sui fatti di Genova, ma poi ho visto il filmino dell’americano che fa il tiro al negro e insomma: sospendo il giudizio (il titolo era ormai andato in stampa).

(non dite che mi sono dilungato, eh…)

 

Pubblicato in "E stiamo bei freschi di tasse e tutto, Natalia", ...ma il più delle volte, Accomodante, Dice Il Saggio, Le Magnifiche Sorti, Ma Anche, Noirtier de Villefort, Questa è la divisa che consente, sapevàtelo, so' ragazzi, UsqueTandem | 1 commento

Che Cosa Allegra Anzi Gioconda

 

Che cosa triste… lucri sul funerale con libri e interviste!

Intollerabile, nevvero. Tutto lo stadio gli devono chiudere, anzi, tutto il foroitalico, anzi tutto il lungotevere almeno fino a pontedefero. E non per una partita: per sempre.

Da quel vecchio idiota che dorme da piedi che sono, me lo sono dovuto far spiegare lo striscione quello, perché così alla lettera mi sembra attagliarsi a chiunque abbia scritto due righe di cordoglio o cinque righe di coccodrillo su fesbuk, così, tanto pe’ clickbaiting; e per riconoscervisi fino a minacciare querela ci vogliono ventotto chilometri di coda di paglia. Senza contare che “triste” almeno fino a stamattina (ho controllato sul sito della RealeAccademiaDellaNeolingua presso il portale del Miniver) non ha accezioni calunniose e nemmeno diffamatorie* – e meno male, chessennò un marcomasini comemminimo farebbe la fine di abbinlade'; ma magari prima lo potremmo pure tortura’ un pochetto, dico io.

Ah… alzi la mano chi si straccia le vesti sdegnato ma a suo tempo era Charlie pure lui.

Aggiungerei “che cosa triste”, ma non desidero essere contattato dalla polizia postale.

* a meno che non sia colpa del correttore automatico perché in realtà volevano scrivere “che cosa trista” – ma insomma uno da certa gente nemmeno se lo aspetterebbe, eh… boh

 

Pubblicato in "E stiamo bei freschi di tasse e tutto, Natalia", ...ma il più delle volte, Accomodante, Blogroll, Dice Il Saggio, E Chi Se Ne Frega, Fred Flinstone, In Marcia!, Le Magnifiche Sorti, Questa è la divisa che consente, Sud, tempi moderni, UsqueTandem | 2 commenti

Tuttobbene Dotto’. Tuuuuuttobbene.

 

Art. 1. Chi è matto non può buttarsi col paracadute
Art.1bis. Chi si vuole buttare col paracadute è matto

Se è lecito anche al maiale esprimere opinioni – o quanto meno osservazioni – riguardanti la Norcineria (e se non è lecito sticazzi; capita che ‘sto blog qua è mio…) devo dirvi,

nelle mie qualità di ex aspirante pilota di aereoplani e di ex depresso,

che

se date un bel giro di vite agli esami pissicoqualcosa sui piloti di aereoplano

otterrete che un aspirante pilota – e soprattutto un pilota attuale, che magna de quello e che, essendo il pilotesimo moderno e contemporaneo un’arte complessa, non ha di solito un piano b, tipo maestro o mezzofondista o tenore leggero o geometradelcatasto – non solo non ci va dallo strizzacervelli, ma non ci passa nemmeno sul marciapiede davanti allo studio, lo dovessero haivistomai fotografa’ pe’ streetview. E se per una volta ha bisogno di due pasticchette per dormire o per stare sveglio ne parlerà col pusher, innanzitutto.

E se lo costringerete a sottoporsi, mentirà. Che ce vole, lo psicoqualunquecosa è competente più o meno come un prete. Io personalmente sospetto “un pochettino meno”, ché i preti hanno molta più esperienza.

E dunque, il pilotaggio di aeroplani si convertirà – almeno finché continuerà a godere del prestigio presente (il reddito, per dire, sta scendendo a quanto so) – nel refugium peccatorum di ogni classe di fulminati; più di quanto, per certi versi, lo sia già.

Almeno fin quando non inventano un esame del sangue per l’ematoscirocchìa. Ma una cosa seria, no una barzelletta come l’antidoping.

Fate, fate.

Pubblicato in ...ma il più delle volte, arbeit macht frei, Blogroll, Chi Parla Male, Dice Il Saggio, E Chi Se Ne Frega, In Marcia!, Questa è la divisa che consente, Radici, sapevàtelo, tempi moderni | Lascia un commento