Carota Rag

 

…e quella volta su duecento – più o meno – che per caso o per miracolo t’esce la C de MapleLeaf senza nemmeno uno scrocchio; e te senti Sciopè, e sei felice pe’ tutta la D, anche scrocchi compresi.

E avanti.

 

Informazioni su ricco&spietato

so' tornato,
Questa voce è stata pubblicata in 88, arbeit macht frei, AriaFritta, cazzeggio libero, Chi Parla Male, Dice Il Saggio, E Chi Se Ne Frega, lo Strumento si studia a casa... e da piccoli, Ma Anche, sapevàtelo, tempi moderni. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Carota Rag

  1. siu ha detto:

    Io niente capito, ma proprio niente di niente, allora io butto palla in tribuna, fumo negli occhi e dico: conosci questo? (sentito mezz’ora fa al giornale radio… però ti prego maneggia con cura che non ti venga un coccolone che poi ti ho sulla coscienza per tutto quel poco che mi resta ancora da vivere):
    https://www.museodelsaxofono.com/

  2. siu ha detto:

    Grazie Streisand, quell’accento acuto ero lungissimo dall’averlo notato! Mentre rilevo invece che quando si entra in zona sassofoni ti scatta immediata la modalità possesso (desiderio di, smania di, rimpianto di, a gogò). Un bell’atteggiamento puramente, pacatamente contemplativo no, eh..? Ma del resto la pace dei sensi è qualcosa che non si augurerebbe a nessuno.

...dicaaaaaaa...!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...