Marino Truffa ’17

 

Apprendo che ancora oggi funziona, anzi spopola, quella che quando avevo tipo undici anni si chiamava “truffa della schedina” (riassumo per TenoreKoreano o alieni equipollenti: si tratta di indurre qualcuno a rilevare una ricevuta di lotteria “vincente”, o altro presunto titolo di presunto credito, a un decimo o meno del suo “valore”; illotempore si faceva staccando a vapore il bollino da una schedina e incollandolo a una schedina “giusta”. Poi dicevi tipo ma mi parte l’aereo per Ouagadougou fra quattro ore e nun la posso riscuotere, veda lei, oppure tanto se mi azzardo a presentarla io mi plana Equitaliail cravattaro del bar in piazzettaeventualmente con un Camillo* che offriva unmilione-unmilioneemmezzo contro i due richiesti).

Quello che a distanza di oltre mezzo secolo continuo a non capire è: come si fa a inquadrare nel ruolo di vittima uno che si precipita a ritirare i suoi magri risparmi per pagare tremila euro un titolo che ne valepromette, poniamo, cinquantamila.

Io – vi dico la verità, diletti treggatti – piuttosto  libererei risorse investigative e giudiziarie per impiegarle nella prevenzione della jihad.

Mavvoi fate; fate.

* vedi – sempre per TenoreKoreano – “Totò Truffa ’62”

 

Annunci

Informazioni su ricco&spietato

so' tornato,
Questa voce è stata pubblicata in "E stiamo bei freschi di tasse e tutto, Natalia", ...ma il più delle volte, Chi Parla Male, Dice Il Saggio, E Chi Se Ne Frega, In Marcia!, Le Magnifiche Sorti, quelli bravi, sapevàtelo, Sud, tempi moderni. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Marino Truffa ’17

  1. Luca ha detto:

    Quando ci dài del “voi” si comprende appieno la tua vocazione profetica, caro Geremia.

  2. Andrea Taglio ha detto:

    dissento: la truffa non è abbastanza sanzionata in Italia.
    È un reato odioso e molto più diffuso della Jihad, che meriterebbe tempeste di cavallette eccetera eccetera

    • ricco&spietato ha detto:

      è vero, non è abbastanza sanzionata: la tentata truffa del suonatore suonato non è infatti mai punita, se non dalla cruda realtà…

    • myollnir ha detto:

      Rispettosamente dissento dal suo dissenso: separare il denaro dagli stupidi è un’opera meritoria.

      • Andrea Taglio ha detto:

        bella battuta, ma poi voglio vedervi gioire per ogni disservizio che lo stato vi fa, perché significa che qualcuno, da qualche parte, la vostra battuta l’ha presa sul serio.
        Io, invece, mi ci posso coerentemente incazzare.

        • ricco&spietato ha detto:

          ma scusa: perché parli di disservizio? è una trattativa privata fra due raider finanziari su scala piccola. quale sarebbe il “servizio”?

          • Andrea Taglio ha detto:

            Stavo ampliando il discorso dalla piccola scala su su fino alla scala statale (mondiale? apocalittica?).
            Mi pare che il discorso non cambierebbe, la mentalità è la stessa, i presupposti gli stessi, i furbetti prosperano, il resto del mondo no.
            Certo, ci potrebbe anche notare che magari dalle vostre parti l’ironia è una qualità comune, e mi vergognerei come un cane se venisse fuori che la mia si è ridotta al lumicino di un moccolo

  3. myollnir ha detto:

    Vivono fra di noi, e a volte non ce ne rendiamo conto.
    All’epoca dell’Università, dividevo un appartamento a PV con un ragazzo che sembrava un tipo brillante (è certamente un caso sfortunato che non si sia mai laureato). Una volta arrivò a casa tutto abbacchiato, perché, passando per Milano, si era fatto uccellare tutti i soldi della settimana, più quelli della sua quota mensile di affitto, dai biscazzieri delle tre carte nel mezzanino del métro, stazione Centrale.
    Alla mia incredulità disse che quello che poi si rivelò essere il compare era un tipo distintissimo, addirittura in giacca e cravatta.
    Ma benedetto ragazzo, come se i truffatori potessero vestirsi da truffatori!
    Si dovette denunciare il furto del portafogli per giustificare in famiglia la necessità di un vaglia urgente.

...dicaaaaaaa...!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...