T. E Il Mostro (Il Cattivista)

 

(avvertenza/rassicurazione: non ho mica finito con Ferenç, sto a battuta cinque; ma visto che la cassetta di frutta è ancora qui aho, ci salgo – giusto per vedere se mi regge ancora)

(titolo alternativo: “Parce Stocazzo”)

Vediamo se ho capito: uno gira un video disinvolto, e lo pubblica (e sorvoliamo del tutto sulle intenzioni, vere o supposte). Il video buca.
Poi però si pente della sua disinvoltura, forse anche perché la gente lo ferma per strada e lo apostrofa signorino, che disinvolto che è lei. E arriva a offrire o reclamare repliche, pubbliche ma anche no.

A questo punto, pretende di rimettere il dentifricio nel tubetto. E per quanto è possibile, ottiene ragione. Certo il dentifricio non ci rientra tuttotuttotutto, e in più è chiamato ad accollarsi un contributo alle spese di rimozione.

Insoddisfatto, si suicida.

E qui entriamo in ballo noi, dal più tronfio DirettoreDiTestata all’ultimo e-cazzeggiatore, che poi sarei io.
Si esige che ci si senta in colpa per il mero fatto di saperlo, se lo sapevamo, – e/o per il fatto di non essere capaci di dimenticarlo a comando. E per non avere il potere di imporre l’oblio anche a tutti gli altri, soprattutto a quelli estroversi indiscreti e scarsi di complimenti.

Be’, io non posso.
Con tutto il rispetto per chi si suicida – e il rispetto mio per chi si suicida, credetemi, è molto più alto della media – tutto quello che vedo è uno iato fra quello che hai mostrato di te e quello che pensi di essere, o di dover essere, o di dover apparire. LaGogna c’entra poco.
E io non posso farci niente. E secondo me nemmeno Facebook, Google, LaTelevisione, L’OpinionePubblica, LaScuola e LaGgente (che per default è cattiva, nei giorni pari. Perché nei giorni dispari, si sa, siamo Charlie).

Né, se potessi, vorrei. Temo poi di prenderci gusto, di dire domani a un altro “domani ti pentirai lo so  e dunque io oggi te lo impedisco. Ti salvo da te stesso – dì: grazzie saggio signore”.

Aho, c’hai trentanni, no undici. Se non vuoi che si sappia, non lo fare. Che è difficile?

 

Annunci

Informazioni su ricco&spietato

so' tornato,
Questa voce è stata pubblicata in ...ma il più delle volte, 88, Accomodante, Dice Il Saggio, E Chi Se Ne Frega, UsqueTandem. Contrassegna il permalink.

7 risposte a T. E Il Mostro (Il Cattivista)

  1. dmitri ha detto:

    Vediamo di cavare qualcosa di istruttivo da questa faccenda: cos’è/quant’è una battuta?

  2. Direi che hai centrato la triste questione

  3. marcoz ha detto:

    Piuttosto, nessuno gli ha detto che, a proposito di oblio, il suicidio ha peggiorato le cose.

  4. Luca Massaro ha detto:

    Meno male che ogni tanto torni per offrire una buona dose di cattivismo.

...dicaaaaaaa...!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...