Parlare male di…?

 

Attenzione!
In questo post si sparla degli Automobilisti – e questo, statisticamente, potrebbe ferire la tua sensibilità.
Nel caso,
SMETTI DI LEGGERE QUI.

Attenzione II:
In questo post, o Automobilista ruvid@
che stai continuando a leggere,
sono contenuti termini che potrebbero
esserti oscuri.
Bè, tii cerchi su gògol.

 

Io sono un automobilista mediocre.
E renitente.
Guido senza alcuna passione, quando devo e se devo. Come posso. Il mio fine è tornare alla stalla la sera senza cid, senza multe, senza bozzi. Null’altro.

Tutti gli altri, invece, sanno guidare l’automobile.

Tutti gli altri sanno guidare l’automobile così bene da dispensarmi consigli e insegnamenti.

Ma io sono uomo di bassa autostima, oltre che incline all’invidia e al rancore, e non accetto – anzi: non tollero! – in proposito insegnamenti da (quasi*) nessuno.

Anche perché molti parlano e straparlano, ma poi quando vai a indagare non sanno la differenza tra un satellite, un variatore d’anticipo e un buco per terra. Anzi, in realtà solo di quest’ultimo sospettano la stessa esistenza.

E a me piacerebbe davvero farmi quattro risate vedendoli parcheggiare un leoncino, o scalare due marce con una cinquecento. E soprattutto, mettere in moto uno scrambler 450 – l’alzavalvole glielo spiego prima e gratis, ché non sono così cattivo**.

I ragazzini. Loro sono cresciuti legati al seggiolino nella scatolettadimmerda di mamma, e nella scatolottadimmerda di papà, e poi sono passati nella loro propria scatolettadimmerda.

Loro pensano c’ho la precedenza, passo; e semmai ci vediamo in tribunale.

Io sono di imprintig motociclistico e penso: c’ho la precedenza, guardo; che poi in tribunale ci andrebbe (sono trattenuto al MotoClubSanGiovanni. Perdoni l’indelicatezza, Egregio Convenuto) l’avvocato dell’assicurazione, e chi si fida.

Loro pensano qui Vettel ci metterebbe 3’41”218 – io lo faccio in 4’01 ma giusto perché c’ho solo la milleccento.

Io penso verde a centocinquanta metri comincio ad alzare il piede per quando, arrivato lì, sarà rosso, e risparmio carburante freni e frizione.

Eccetera.

Su una cosa ti riconosco superiore a me, giovanottino che hai preso la patente nel terzo millennio con i punti della coop e i soldi di papà: i tuoi riflessi sono migliori dei miei.

Il che significa che sei anche troppo stupido per capire che invece dovresti lodarmi per il fatto di adattare la mia guida ai miei tempi di reazione e non ai (peraltro presunti e quasi sempre sovrastimati, fesso) tuoi.

Io non penso affatto di guidare meglio di te. Ma nemmeno penso di deporre, anzi di disimparare, l’abito mentale che mi ha portato vivo*** fin qui, per assumere il tuo.

Se non ti piace come guido, sopporta.

Se non puoi sopportare, scendi. Questo stronzo qui dietro che lampeggia furibondo attaccato al mio culo, guardacaso, è un tassì…

 

* esclusi ingegneri meccanici, ingegneri della viabilità, esperti professionisti del trasporto di cose e persone**** *****
** in realtà, si: il fatto è che a seconda della fase che becchi la pedalina dello scrambler – se non è sfiatato di fasce o di valvole o di guarnizione – ti può spaccare tibia perone malleolo anche se hai fatto tutto giusto – è solo questione di fortuna; e questo naturalmente dimenticherei di dirlo, nella speranza
*** per correttezza: non è stato tutto merito mio, eh; la mia vita automotociclistica è anche costellata di rilevanti e tempestive botte di culo
**** che poi sono i personaggi che a suo tempo mi insegnarono pressoché tutto quello che so in proposito; se ce ne è in giro ancora qualcuno che sia anche così dotato di senso pratico da sapere che è estremamente difficile insegnare nuovi giochi a un cane vecchio, si accomodi pure
***** i professionisti della competizione di ogni tipo e livello possono invece andarsene serenamente affanculo

 

Annunci

Informazioni su ricco&spietato

so' tornato,
Questa voce è stata pubblicata in Accomodante, cazzeggio libero, Chi Parla Male, E Che So' Pasquale?, Fred Flinstone, Le Avventure di Smerdjakov, Le Magnifiche Sorti, lo Strumento si studia a casa... e da piccoli, Magara, sapevàtelo, tempi moderni, UsqueTandem. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Parlare male di…?

  1. un tal lucas ha detto:

    Questo è un post altamente zen.

  2. Hombre ha detto:

    I migliori piloti del mondo hanno guidato una Vespa (autocit.)
    Ma ci andavate a fare le derapate nei parcheggi la notte? Troppo ganzo, con la mia 500 rossa.

    • ricco&spietato ha detto:

      la vespa non me la so’ mai imparata fino a possederla. probabilmente questa è una concausa maggiore della mia infelicità – altro che la gobba del Conte L.

      derapate: di giorno, in una scarpata, con l’850 pulmino delle Poste (ormai posso confessarlo, sarà caduto in prescrizione – almento spero).
      la mia 500 gialla era vecchietta e debole di braccetti* – nun me so’ mai azzardato.
      * edit: e soprattutto – ehm, scusate… – era MIA…

      • Hombre ha detto:

        e ‘nfatti la “mia” 500 era di mi’ sorella. Va da sé che quando, alla rotonda del cimitero in piena derapata controllata (male) ho incocciato un marciapiede alto 20 cm con la ruota, rompendo la balestra, la balestra l’ho ripagata cmq io.

  3. dmitri ha detto:

    Guidare un furgone offre la possibilità di testare i riflessi dei lampeggiattori frettolosi.
    Un colpo deciso ai freni e controllo, dallo specchietto, le reazioni.

  4. rachelgazometro ha detto:

    Ho imparato ad usare la quinta [male] da poco. In compenso per comprendere questo post non ho avuto bisogno di gughel.

...dicaaaaaaa...!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...