Parallasse

 

Mi è capitato di chiedere a uno a proposito della sua faccia.

Quello mi ha risposto – decorosamente, devo dire – che la faccia essendo rivolta verso l’esterno il problema è più che altro di chi la vede.

Avevo pensato una replica a base di “specchio”; ma per una volta la espritdelescalierfobia m’ha salvato.

Perché anche lo specchio, per quanto sottile, c’ha il suo bravo errore di parallasse.

Io, per esempio. Mi devo rassegnare: sembro più felice di quanto sono – me lo dicono tutti, disinteressati o meno; non può che essere così.
E nemmeno posso pensare di risolverla con uno specchio: sembro più felice di quanto sono (o di quanto mi sento) anche a me stesso, anche se meno.
Allora, magari, è un problema di soglie di tolleranza, o di sensibilità, o di abitudine, o di scoglionamento percepito… o di posa.

O di parallasse.

 

Annunci

Informazioni su ricco&spietato

so' tornato,
Questa voce è stata pubblicata in Accomodante, AriaFritta, Diti, E Che So' Pasquale?, E Chi Se Ne Frega, Ma Anche, Magara, sapevàtelo. Contrassegna il permalink.

...dicaaaaaaa...!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...