L’Urne Dei Previdenti

 

Lasci non solo scorie, anche persone
indietro, dopo l’ultimo momento.
Del decoro di quel solenne evento
vuoi lasciare anche la preoccupazione?

Potresti, puoi; si curi chi le impone
delle modalità di smaltimento
tu puoi fare l’indiano, ormai sei spento
se no, c’è sempre l’assicurazione.

Non dire adesso, Pindemonte mio
che sono un imbolsito, un invecchiato
che il piccoloborghese sono io

de ‘ste frociate nun me so’ curato
mai, sotto nessun cielo e nessun dio
ma me la regalavano; ho firmato.

 

Annunci

Informazioni su ricco&spietato

so' tornato,
Questa voce è stata pubblicata in Accomodante, AriaFritta, cazzeggio libero, E Chi Se Ne Frega, La Signora, Le Magnifiche Sorti, Radici, sapevàtelo, Sud, tempi moderni. Contrassegna il permalink.

Una risposta a L’Urne Dei Previdenti

  1. un tal lucas ha detto:

    …dicoooo che bel sonetto.

...dicaaaaaaa...!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...