Nessun altro motivo

 

Leggo che c’è chi prende le difese di Miss Italia.

Miss Italia aveva il suo perché, immagino, nell’ottimista dopoguerra, quando le ardimentose e procaci signorine scendevano a valle dalle loro Montagne del Sapone a cercare l’Occasione. Alcune la trovavano, pure.

Ma oggi che ogni quindicenne interessata al ramo è già nel database di tutte le agenzie moda pubblicità spettacolo eventi, ha almeno due book fotografici*, è già passata per divani talent show cene eleganti a ogni livello (non faccio nomi ché hanno già i loro guai poveracci, come io ho i miei) con mamma o senza, ho idea che a Miss Italia arrivino solo gli scarti.
Inoltre, e parlo da telespettatore, non è che manchino altre occasioni per vedere giovani donne in televisione.

Resta la Tradizione, che come è stato osservato è l’unica ragione per fare qualcosa per cui non ti viene in mente nessun altro motivo. Può bastare? Boh; col SantoNatale ci riesce.

A latere: se ci vai con soldi – e ancora meglio con soldi altrui, come capitò a me – puoi sopravvivere, a Salsomaggiore; che comunque resta il secondo posto più triste che ho visto nella mia succinta carriera di viaggiatore, il primo essendo, per distacco, San Severo.

* uno più o meno professionale e ufficiale; uno più casareccio ma interessante, fatto con il telefonino

 

Annunci

Informazioni su ricco&spietato

so' tornato,
Questa voce è stata pubblicata in AriaFritta, cazzeggio libero, E Chi Se Ne Frega, Fred Flinstone, Radici, sapevàtelo, Sud. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Nessun altro motivo

  1. miquele1962@gmail.com ha detto:

    Non so, io a San Severo ho visto solo l’ospedale, una volta che mia figlia quasi si sfasciò il cranio su una panchina di un cazzo di paese dove c’eravamo fermati andando a Torre dell’Orso (quello sì che un posto del cazzo come ne ho visti pochi). L’ospedale faceva schifo, ovviamente, ma abbiamo avuto la fortuna di trovare un paio di persone caritatevoli e, non sto scherzando, un chirurgo plastico in servizio di notte al pronto soccorso. Robe da ringraziare la Madonna di Caravaggio.

  2. miquele1962@gmail.com ha detto:

    E poi a San Severo c’è nato Pazienza – quindi non so, forse è davvero il posto più triste del mondo. Chennesò.

...dicaaaaaaa...!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...